Il materano Rospi: «I 5Stelle hanno tradito gli italiani, ora entra in campo Popolo Protagonista»

Il movimento fondato, tra gli altri, dal deputato lucano è già parte del Ppe in Europa e guarda al centro

Gianluca Rospi, parlamentare lucano eletto con i 5Stelle e ora tra i fondatori – assieme ai deputati Fabiola Bologna e Tiziana Drago – del progetto politico «Popolo Protagonista», già una componente del gruppo Misto. Ieri ad Acireale è stata inaugurata la prima sede.

On. Rospi, Popolo Protagonista è ispirato a valori cristiano-popolari e aderisce al Ppe in Europa. Insomma lontano anni luce dai 5Stelle. Come nasce questo cambiamento?
In realtà io sono stato eletto quale indipendente nel Movimento, aderendo ad un’idea originaria che i 5Stelle hanno di fatto abbandonato, adeguandosi ad un sistema, quello del Pd, che noi abbiamo sempre combattuto.

A cosa si riferisce in particolare?
Si puntava ad una classe dirigente in grado di prendere le distanze da una politica che non ha più ragione d’essere. Invece i «volti nuovi» si sono ormai appiattiti sullo status quo, rinnegando quella visione innovativa del paese su temi fondamentali, quali scuola, lavoro, ambiente e giustizia.

Nel Ppe c’è anche Forza Italia. Punti in Comune?
La famiglia dei popolari europei è composta da diverse realtà. La nostra appartiene all’area cristiano-democratica.

Popolo Protagonista sarà un nuovo partito?
Sì. Il processo fondativo è già stato avviato. Puntiamo su quei principi che sono alla base del popolarismo italiano ed europeo, inserendoci nella lunga tradizione che, partendo dall’appello ai liberi e forti di don Sturzo e dalla grande figura dello statista Alcide De Gasperi, ha fatto grande il nostro Paese e ha contribuito a dare all’Europa il più lungo periodo di stabilità e pace della propria storia.

Insomma al centro si vince?
È la nostra collocazione naturale in base ai principi cui facciamo riferimento.

Con che prospettive?
Guardiamo con attenzione a quanto avviene nel centrodestra, dove l’ala moderata è sempre più in sofferenza. Ma altrettanto facciamo con i progressisti. Il dialogo è aperto nel nome delle riforme e di una visione nuova del sistema Italia. A nostro avviso è fondamentale avere una visione chiara e strategica per rilanciare l’Italia in questo momento di grave crisi sanitaria e sociale. Economia, famiglia, sanità, infrastrutture, scuola, sociale, sicurezza, ambiente, crisi demografica: questi sono solo alcuni dei temi cardine su cui il nostro movimento politico lavorerà con impegno. Riteniamo sia necessario dare importanza alla conoscenza, alla professionalità, alle capacità e all’esperienza perché questo serve per una programmazione coerente e sostenibile per rilanciare il Paese. Siamo convinti che un costante confronto politico, pacato nei toni e costruttivo nel merito, possa essere da stimolo per il bene comune.

In questi giorni avete aperto la prima sede di Popolo Protagonista in Sicilia, ad Acireale. C’è una particolare attenzioni al Sud?
Abbiamo aperto ad Acireale le porte della nostra prima casa al servizio del popolo perché siamo convinti che il riscatto del Paese possa ripartire dal Sud fino al Nord. La nostra volontà è quella di promuovere scelte e iniziative volte a traghettare la politica, i suoi esponenti e la classe amministrativa e dirigente italiana verso un maggiore livello di consapevolezza della responsabilità istituzionale e una qualificata preparazione di gestione del Sistema Paese. I nostri valori guardano a una politica che metta al centro la persona, la sua dignità, la sua realizzazione. In questo momento di grave impoverimento sociale e politico, crediamo nei valori della sussidiarietà e solidarietà che, in questi anni, sono andati a deteriorarsi inesorabilmente.

Lei è nato e lavora a Matera, ma vive in Puglia. Cosa pensa dell’apertura dei 5Stelle alla maggioranza che con Michele Emiliano guida la Regione?
Più che un indirizzo politico appare come una mera spartizione di poltrone, in ossequio alla più vecchia forma di esercizio di potere e a conferma di quanto dicevo prima sulla «metamorfosi» del Movimento 5Stelle, ormai adeguato al sistema che invece dicevano di voler cambiare radicalmente.

Fonte: https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/matera/1265297/il-materano-ropsi-i-5stelle-hanno-tradito-gli-italiani-ora-entra-in-campo-popolo-protagonista.html